Cèramica 2017 – Rinascimenti: storie di terre, territori e talenti a Montelupo Fiorentino

Cèramica 2017
Rinascimenti. Storie di terre, territori e talenti
Montelupo Fiorentino, 16-18 giugno 2017

La manifestazione Cèramica compie 25 anni e dal 16 al 18 giugno torna a Montelupo Fiorentino, nel ricordo degli antichi fasti, ma con lo sguardo rivolto al futuro. Trenta espositori per la mostra mercato, trentacinque tra installazioni e mostre in ogni angolo della città, oltre trenta eventi tra dimostrazioni, incontri, visite nelle aziende e giochi di luce per tre giorni legati da un unico filo conduttore, che dà il titolo a questa edizione 2017 della manifestazione: Rinascimenti. Storie di terre, territori e talenti.

Il Rinascimento, che si sviluppò a Firenze tra la fine del Medioevo e l’inizio dell’età moderna, per propagarsi presto in tutta Europa, vide svilupparsi un nuovo linguaggio figurativo, legato ad un diverso modo di concepire il mondo e se stessi. In quell’epoca la città di Montelupo visse il suo massimo splendore e i manufatti che vi vennero prodotti in quel periodo, grazie al trust Antinori, vennero commercializzati in tutto il mondo. E non è un caso che ancora oggi le ceramiche di Montelupo siano esposte in tutta Europa e che alcuni pezzi siano stati ritrovati anche a Cuba e in Giappone.

I “Rinascimenti” del titolo della manifestazione vogliono però dire qualcosa in più, vogliono partire dal passato e interpretarlo con occhi nuovi per guardare con slancio al futuro, ripensando le aziende, i prodotti, il territorio. E Cèramica 2017 si propone come il punto di partenza di questa nuova visione, sarà incentrata sempre più sulla produzione di qualità, sulla collaborazione con artisti importanti.

Per tre giorni, nell’atmosfera di festa che da sempre caratterizza la manifestazione, Montelupo ospiterà mostre, installazioni, incontri e dimostrazioni di maestri ceramisti. Innanzi tutto, lungo tutte le strade cittadine, si terrà la mostra mercato, quest’anno intitolata “Le Forme della terra”, che ospiterà 35 ceramisti provenienti da tutta Italia e le dimostrazioni dei maestri terracottai. Poi ci saranno le esposizioni. Gli artisti che hanno risposto alla chiamata sono oltre 100, provengono da tutta Italia e hanno stili e formazione molto differenti. Le loro opere saranno esposte in personali o collettive allestite nei fondi dei negozi, in cappelle, ex cinema, piazze e studi d’arte.

Fra le tante proposte, vale la pena di ricordare “L’arte non trema”, un progetto nato dopo il terremoto dell’Emilia del 2012 che ha visto più di 200 artisti provenienti da diversi parti del mondo dare vita ad un’opera unica fatta dei frammenti raccolti tra le rovine, privi di un valore intrinseco, ma ancora contenitori e simboli di storie e memorie che non devono andare disperse.
C’è poi spazio per mostre a carattere più sperimentale e sociale come “More Clay, less plastic”, ideata da un collettivo di ceramisti provenienti da tutta Italia con l’intento di promuovere un uso “ecologico” della ceramica al posto della plastica.
Il palazzo podestarile, centro espositivo della città, ospita contemporaneamente una rassegna dedicata alla Strada della Ceramica di Montelupo, che ruota attorno al “Rosso di Montelupo”, il manufatto di maggior pregio esposto al Museo, e la mostra dell’artista tedesco Thomas Lange “Non sporcare il fiume”.

Poi due importanti personali di Giovanni Chilleri e Onofrio Pepe. Le opere di Chilleri saranno esposte presso la Prioria di San Lorenzo e una di esse verrà cotta nel forno in fibra allestito in viale Umberto I, domenica 18 maggio, mentre quelle di Pepe saranno collocate in piazza VIII Marzo 1944 e in uno spazio espositivo in via Caverni 20.

Di indubbio fascino anche “Anima Mundi” la collettiva dedicata a gioielli realizzati in ceramica e l’esposizione dedicata all’uso della stampa in 3D per la realizzazione di manufatti in ceramica.

Durante la manifestazione, poi, molte delle aziende del territorio apriranno le loro porte per mostrare le diverse fasi della lavorazione e per accogliere i visitatori con laboratori e installazioni. L’elenco delle visite è disponibile sul sito della manifestazione (www.festaceramica.it) e tutte possono essere prenotate telefonando all’Ufficio Turistico (0571 51324).

Per l’occasione saranno eccezionalmente aperti anche i laboratori di due artisti molto conosciuti e apprezzati: il laboratorio di Paolo Staccioli (visitabile su prenotazione) e l’Atelier Marco Bagnoli, da poco inaugurato (venerdì pomeriggio e domenica mattina visite guidate su prenotazioni; sabato pomeriggio apertura libera). Per entrambi contattare l’info point turistico allo 0571 51342.

Due luoghi significativi di Montelupo saranno animati da installazioni multimediali: sul muro che costeggia il fiume Pesa sarà proiettato un video realizzato da Fabbrica Lumiere in collaborazione con il Centro Ceramico Sperimentale che ripercorre la storia della manifattura della città attraverso i volti e gli uomini che per secoli hanno impastato, lavorato e dipinto “la mota” (così viene chiamata l’argilla, in gergo locale), mentre l’ex  fabbrica Fanciullacci, sede di una delle aziende storiche di Montelupo, ora luogo in attesa di essere recuperato, tornerà a vivere grazie a un’installazione video dedicata alla ceramica.

Le due piazze estreme della città, infine, saranno lo scenario per spettacoli, esibizioni e concerti. In piazza Vittorio Veneto, assieme alla cooperativa Promocultura e a Reality Bites, è di scena il “C’era Mica Fest”, che vedrà salire sul palco Colombre, L’uomo pigiama e l’Albero. In piazza dell’Unione Europea, in collaborazione con la Fornace di Sammontana, è stato allestito uno spazio che nelle serate di venerdì e domenica ospiterà le esibizioni di un pianista sospeso e una ballerina che volteggerà in aria, entrambi appesi ad una gru.

Il Ministero dello Sviluppo ha individuato nella produzione di Montelupo un elemento di eccellenza delle manifatture italiane a cui dedicare un francobollo.  L’annullo filatelico speciale sarà presentato sabato 17 giugno alle ore 11.00 presso il giardino del palazzo podestarile in un’iniziativa a cui prenderanno parte numerosi rappresentanti istituzionali. Il francobollo di Montelupo, dopo la presentazione, sarà disponibile in tutti gli uffici postali italiani.

Ufficio stampa
Silvia Lami
Tel. +39 0571917524
ufficiostampa@comune.montelupo-fiorentino.fi.it

Davis & Franceschini – Lea Codognato/Caterina Briganti
Tel.  +39 055 2347273
info@davisefranceschini.it – www.davisefranceschini.it

www.festaceramica.it

Canali social
Fb – CeramicaMontelupo
Twitter –  @MuseoMontelupo
Instagram – @montelupo_ceramic

Contatti e informazioni
Piazza Vittorio Veneto, 10 – 50056 Montelupo Fiorentino Firenze
Tel. +39 057151352 – 057151087
info@museomontelupo.itcultura@comune.montelupo-fiorentino.fi.it
Ufficio Turistico +39 057151324 – ufficioturistico@museomontelupo.it

Con  il patrocinio di
Unione dei Comuni Circondario dell’Empolese e Val d’Elsa
Regione Toscana
Città Metropolitana di Firenze
AICC – Associazione Italiana Città della Ceramica

Main sponsor
Colorobbia

Per la Stampa

Per la cartella stampa completa di immagini scrivere a info@davisefranceschini.it